CuriositàNuovi studi rivelano che gli umani sentono più...

23/08/2018 - 05h

Il legame che abbiamo con i nostri cani è molto forte, costruito sulla base del vero amore, cura e compagnia. Spesso, andiamo più d'accordo con questi animali che con le persone intorno a noi. La sua purezza e l'amore incondizionato ci aiutano ad andare avanti e vedere il mondo più positivamente e con gratitudine.

Una nuova ricerca del 2017 pubblicata sul sito web Society & Animals e condotta da sociologi e antropologi della Northeastern University e dell'Università del Colorado presenta risultati che restringono ulteriormente il legame tra uomo e cane. 

La ricerca è stata sviluppata per comprendere meglio il fatto che quando ci sono segnalazioni di animali bisognosi nei titoli, il livello di indignazione e di risposta è generalmente più alto di quando le tragedie riguardano gli umani.

Un totale di 256 studenti universitari ha letto un rapporto di finzione e poi ha rivelato i loro livelli di empatia con una vittima di violenza da parte di adulti/bambini rispetto a un cane adulto/cucciolo maltrattato.

I risultati mostrano che gli studenti sono più empatici con i cani che con gli umani adulti:

"Abbiamo trovato più empatia con i bambini, i cuccioli e i cani adulti rispetto alle vittime umane adulte. L'età fa la differenza per l'empatia sulle vittime umane, ma non per le vittime canine."

Oltre alla sua esperienza personale, lo studio menziona anche l'esperimento di un'organizzazione benefica britannica. Questa istituzione ha condotto una campagna di raccolta fondi con due versioni dello stesso annuncio.

Secondo la ricerca, entrambi contenevano un testo che diceva: "Daresti £ 5 per salvare Harrison da una morte lenta e dolorosa?" Una versione mostrava un'immagine del vero Harrison Smith, un bambino di otto anni diagnosticato con la distrofia muscolare di Duchenne; l'altra versione mostrava l'immagine di un cane, al posto di Harrison.

Quando gli annunci sono stati pubblicati sul sito di MSN nel Regno Unito con link a donazioni in beneficenza, la pubblicità del cane è stata il doppio dei clic rispetto al ragazzo (230, rispetto a 111). 

Per quanto riguarda la preferenza degli umani per i cani piuttosto che per altre persone, lo studio dice: "Può essere che molte persone valutino i cani come vulnerabili indipendentemente dalla loro età rispetto agli umani adulti".

In altre parole, i cani, giovani o vecchi, sono visti per possedere molte delle stesse qualità associate ai bambini umani; sono considerati incapaci di proteggersi completamente da soli, rispetto agli umani adulti.

I professionisti dell'area concordano con i risultati dello studio, come lo psicoterapeuta Justin Lioi, che afferma:

"Noi siamo in grado di entrare in empatia con qualcuno che non ha colpa della sua situazione," e il sociologo e psicoterapeuta sistemico Dr. Kathrine McAleese, che ha clienti che lavorano a lungo con i cani: "Le persone che si adattano ai risultati di questo studio è perché molti a volte considerano gli animali innocenti e umani come non aventi della stessa purezza. Quando chiedo ai miei clienti perché spendono soldi per la salute, il cibo e la nutrizione dei loro cani, ma non per se stessi, la risposta che ottengo quasi sempre è: Perché il mio cane se lo merita".

Cosa ne pensi del risultato dello studio? Anche tu sei molto empatico quando si tratta di cani? Lascia un commento qui sotto e condividi l'articolo con i tuoi amici!

Tags
sociologoempatiapersoneanimalimaggiorebambinicaniadulticucciolipsicoterapeutascienzastudioaffermazioneprofessionistidisgrazieempaticheanimali