CuriositàPerchè al tuo bambino fa bene crescere con un animale domestico:

11/02/2018 - 18h

Che cosa imparano i bambini piccoli dagli animali domestici?

È una migliore comprensione della biologia qualcosa che i bambini possono imparare da cani e gatti?

I bambini piccoli sono molto interessati agli animali. Uno studio ha anche rilevato che i bambini di età compresa tra 11 e 40 mesi preferiscono guardare un animale dietro uno schermo di vetro ( anche se l'animale è profondamente addormentato ) piuttosto che giocare con un giocattolo. Ora i ricercatori si stanno chiedendo se questo interesse per gli animali significhi che i bambini con un gatto o un cane conoscono meglio la biologia rispetto a quelli senza.

Lo studio, di Megan Geerdts (Università della Carolina del Nord a Greensboro) e altri, era diviso in due parti. Prima di tutto, gli scienziati avevano bisogno di sapere come i bambini in età prescolare interagiscono effettivamente con cani e gatti.

Sebbene questo sia osservato dai genitori ogni giorno, sembra che non sia stato registrato in modo sufficientemente dettagliato per la scienza. Così i ricercatori hanno osservato 24 bambini in età prescolare in una sessione di gioco libero con il loro animale domestico e hanno chiesto ai loro genitori di compilare un questionario sulle esperienze quotidiane dei loro figli con l'animale.

Poi, nella seconda parte, hanno testato i bambini di 3 - 5 anni con e senza un animale domestico sulla loro conoscenza dei concetti biologici.  

Prima di tutto, le interazioni dei bambini con gli animali domestici erano per lo più sociali. Non erano realmente coinvolti nel prendersi cura degli animali, il che non è sorprendente data la loro età. In uno studio su bambini più grandi (età compresa tra 7 e 13 anni)  hanno anche scoperto che avevano per lo più interazioni sociali con i loro animali domestici, e hanno lasciato l'attenzione ai loro genitori. 

I bambini di solito interagivano in modi reciproci che suscitavano una risposta da parte dell'animale, come tenere una mano per essere annusata, cercando di impegnarsi in gioco o dare un comando al cucciolo. I questionari compilati dai genitori hanno confermato che le interazioni erano sociali e che i bambini non erano coinvolti nel comportamento assistenziale.

Hanno interagito con gatti e cani nello stesso modo, ma le ragazze interagivano più dei ragazzi.   Una bambina abbraccia il suo gatto domestico

 

Quindi, se le esperienze di un bambino di passare del tempo con un animale domestico sono di essere socievoli con esso, ti aspetteresti che imparino molto sulla biologia da questo? Non è che abbiano a che fare con la fine biologica delle cose: nutrire, governare, pulire, assicurarsi che l'animale abbia fatto pipì e fatto la cacca. Eppure hanno mostrato una migliore comprensione dei concetti biologici.  

Il modo in cui questo è stato testato è abbastanza pulito. Se dovessi chiedere qualcosa del tipo "Le persone hanno un cuore. Il tuo gatto ha un cuore? "Non si poteva escludere la possibilità che alcuni bambini avessero imparato a conoscere i cuori nella loro scuola materna o nel loro gruppo di gioco e che possedessero conoscenze pregresse.

Quindi i ricercatori hanno usato una parola inventata che nessuno dei bambini avrebbe mai incontrato prima.

 

96 bambini di età compresa tra 2 e 6 anni hanno preso parte al secondo studio.

A un gruppo è stato detto: "Le persone hanno un andro dentro di loro. Andro è tondo e verde e sembra così! "Il bambino e lo sperimentatore disegnarono insieme una foto di andro . Poi, è stato chiesto al bambino se diversi animali, piante e oggetti inanimati avevano anche andro dentro. Un altro gruppo ha fatto la stessa cosa, ma invece di sentirsi dire che la gente ha andro , gli è stato detto che i cani hanno andro .

Poi ai bambini sono state poste domande sul proprio gatto o cane (se ne avevano uno) e sul gatto o cane dello sperimentatore (se non l'hanno fatto). Le domande riguardavano se il gatto o il cane avesse varie proprietà psicologiche e fisiche, comprese le emozioni, il sonno, il cibo e i genitori.  

Un gruppo di controllo di adulti ha fatto lo stesso studio, ma hanno saltato disegnando un'immagine di andro . Gli adulti avevano la stessa probabilità di mettere in relazione le proprietà dell'uomo con quelle dei cani, viceversa (cioè se un cane ha un andro , così anche un umano). 

La metà dei bambini aveva un gatto o un cane, e proprio come nel primo studio, i loro genitori hanno detto che le loro interazioni erano per lo più sociali. Tra i bambini di 3 e 5 anni senza animali, erano più propensi a correlare le proprietà dall'uomo ai cani, piuttosto che viceversa. Se i bambini di 5 anni avevano animali domestici, erano più propensi a correlare le proprietà dei cani agli umani rispetto ai loro coetanei senza animali domestici.  

I bambini di cinque anni e gli adulti erano più propensi a dire proprietà applicate ad altri esseri viventi piuttosto che a piante e oggetti inanimati. I bambini di tre anni tendevano ad applicare le cose allo stesso modo alle piante e agli oggetti inanimati.

Avere un animale domestico non ha fatto differenza per questi risultati.   Ma in entrambe le fasce di età, se un bambino aveva un animale domestico, era più probabile che affermasse che gli animali avevano proprietà biologiche rispetto ai bambini che non avevano un animale domestico. Questo effetto non è stato trovato per le proprietà psicologiche.

 

Questo studio mostra che i bambini che hanno esperienza sociale con animali domestici hanno meno probabilità di essere antropocentrici nel loro ragionamento. Gli scienziati dicono che "le nostre scoperte aiutano a sostenere l'ipotesi che il trattamento di animali come creature sociali possa aiutare i bambini a capire in modo analogo gli animali come più simili agli umani in altri modi, anche biologici".   Cosa pensi che i bambini imparino dai loro animali domestici?

Tags
animale domesticostudibambinocrescere insiemefare bene allo sviluppo
CONSIGLIATI